Non si scrive sul muro

Testo e musica di Mauro Becattini     

da un’idea di Lapo e Cristina)

 

Rita la matita era tutta rosa,

ma tutte le mattine faceva una brutta cosa:

prima di andare a scuola,

beveva una coca cola,

poi buttava la lattina

contro una vetrina!

Poi passava là  davanti al muro.

E rideva con fare sicuro:

“Anche oggi, sai com’è,

scarabocchio su di te! “

Za za za za za

Ma intanto una vocina…

Za za za za za

ronzava nella testa…

e diceva che:

 

“Non si scrive sul muro,

questo è poco ma… sicuro.

Non s’imbrattan  le pareti

se si vuole viver lieti.

E quando cresce il desiderio di scrivere

è bene avere alla portata

un foglio di carta,

possibilmente riciclata!”

 

 

Ma il muro Arturo era proprio  stanco:

per colpa della Rita, aveva perso il bianco!

E finalmente un giorno,

per togliersela di torno,

ebbe un’ispirazione:

che soddisfazione!

Lei arrivò molto puntuale

e incominciò a scarabocchiare.

Ma Arturo, con maestria,

la sua punta portò via!

Za za za za za

“Oddio sono spuntata”

Za za za za za

“Son proprio disperata…”

Ecco qua perché…

 

“Non si scrive sul muro …

 .

Ma il muro Arturo aveva un grande cuore:

così, quando la vide piangere di dolore,

le disse: “son preplesso:

hai visto cos’è successo?

la punta hai perso in fretta:

non m’hai dato retta…!

Sai, se t’è bastata la lezione…

io ti troverò la soluzione.

Ho un amico caro che

ha un rimedio qui per te.

za za za za za

l’appuntalapis Gianni

za za za za za

ora ripara i danni!

ma ricorda che…”

 

“Non si scrive sul muro …